LIBERATORIA FOTOGRAFICA GDPR

Se fino a poco tempo fa parlavamo di “liberatoria fotografica”, oggi dovremmo parlare di “liberatoria fotografica GDPR“.

GDPR sta per “General Data Protection Regulation“, una legge dell’Unione Europea che regolamenta l’adeguata gestione dei dati personali.

Dico “dovremmo” perché in questo articolo non affronteremo in modo tecnico le leggi che la regolamentano. Non sono un avvocato e non avrei di certo le competenze per affrontare l’argomento in modo dettagliato.

Vi parlerò invece di un metodo che ho ideato e che prossimamente sperimenterò per “facilitare” l’approccio con uno sconosciuto al fine di farsi rilasciare una liberatoria fotografica gdpr firmata.

Non volendo scendere troppo nel tecnico sull’aspetto legale, riporto però qui di seguito un link ad un articolo che ne parla in modo decisamente più approfondito.

PANORAMICA GENERALE SU CIO’ CHE PREVEDE LA LEGGE SULLA LIBERATORIA FOTOGRAFICA GDPR

Lo dice la legge ed è risaputo che scattare una foto ad uno sconosciuto in un posto pubblico è legale. Ciò che non è legale è distribuire, condividere e pubblicare in qualsiasi forma/supporto l’immagine della persona ritratta.

E questo, a patto che non si sia in possesso di una precisa dichiarazione di consenso firmata dalla persona stessa (liberatoria fotografica gdpr appunto).

La liberatoria però non è sempre necessaria.

Nel caso in cui le persone non siano riconoscibili (vedi per esempio la foto in evidenza di questo post, e quelle rappresentate nei tre articoli elencati qui sotto), essa infatti può essere omessa.

La liberatoria fotografica gdpr è un documento che serve per tutelare i diritti e i dati sensibili della persona ritratta tramite una “forma di contratto” con il fotografo.

PERCHE’?

Per diversi motivi.

La persona ritratta deve essere messa al corrente di diverse cose. Cose che riguardano la sua immagine:

  • verrà utilizzata in modo non lesivo nei suoi stessi confronti;
  • sarà pubblicata su un blog, un social network (facebook, instagram, flickr, ecc…), piuttosto che appesa in forma cartacea ad una mostra;
  • potrebbe essere utilizzata a scopi commerciali (venduta ad agenzie fotografiche, venduta come stampa, ecc..);
  • nel momento in cui decidesse di revocare il consenso precedentemente dato al fotografo per l’utilizzo della sua immagine, potrà farlo con una comunicazione in qualsiasi momento.

Il fotografo deve invece avere la tranquillità di poter utilizzare le foto per i suoi progetti (sempre garantendo il rispetto dell’immagine della persona), senza l’ansia di poter incorrere in problemi legali.

ESEMPIO DI CIO’ CHE POTREBBE SUCCEDERE…

Immaginiamo che una persona veda una sua foto scattata da un fotografo al quale 2 anni prima aveva verbalmente dato il consenso per la pubblicazione della propria foto.

Non ricordandosi di aver dato il suo consenso all’epoca, denuncia il fotografo.

Il fotografo non avendo qualcosa di scritto (l’accordo era stato di tipo verbale), potrebbe andare incontro a problemi legali.

Se al contrario fosse in possesso di una liberatoria fotografica gdpr firmata dalla persona ritratta, non ci sarebbero problemi, e il soggetto non potrebbe dire più nulla in merito.

Ecco perché è importante avere una liberatoria firmata.

UN ALTRO ESEMPIO…

Passiamo ora ad un altro scenario:

avete appena scattato una foto sulla quale compare il volto ben visibile e riconoscibile di una persona in strada.

E’ una foto particolarmente ben riuscita e vi spiacerebbe non poterla pubblicare.

In una situazione come questa potresti fare due cose:

  • prenderti la responsabilità di pubblicare la foto senza avere la liberatoria firmata;
  • avvicinare la persona e spiegarle “tuuuutto” ciò che concerne la privacy e la gdpr, al fine di farti compilare e firmare la liberatoria.

Risultati probabili:

  • nel primo caso “rischiate” di avere problemi legali;
  • nel secondo caso “rischiate” di non concludere nulla perché il soggetto non ha voglia di stare ad ascoltarvi, non ha tempo per stare ad ascoltarvi, non gli interessa stare ad ascoltarvi, o molto più probabilmente si allontana temendo che gli stiate facendo firmare in realtà l’acquisto di una nuova auto…

COME COMPORTARSI ALLORA???

Personalmente, credo che “il segreto” sia quello di dare modo alla persona di potersi informare sui contenuti di una liberatoria fotografica in tutta tranquillità.

Facendo in modo che non si crei una situazione di disagio per tutti.

COME?

Con un piccolo investimento faccio piccoli regali: un semplice biglietto da visita con sopra stampato uno dei miei migliori scatti appositamente selezionato!

Questo biglietto da visita ha diverse funzioni:

  • Fornire i miei riferimenti: nome, cognome, numero di telefono, indirizzo e-mail e sito web
  • Fornire un codice identificativo dello scatto: prima di dare il biglietto da visita scrivo su di esso il numero identificativo dello scatto.
  • Creare il contatto: scattata la foto, porgo il biglietto da visita e intanto spiego che sarò felice di inviare in forma assolutamente gratuita il file digitale della fotografia alla persona ritratta. Specificando però che per averla si deve seguire la procedura descritta sul biglietto da visita.

La procedura prevede la consultazione di una pagina ben precisa del mio blog. Una pagina dedicata alla spiegazione del contenuto di una liberatoria gdpr e ai motivi per i quali è preferibile che entrambe le parti ne siano in possesso.

Sempre nella stessa pagina invito l’interessato a scaricare, compilare, firmare la liberatoria e ad inviarmi una foto ben visibile e dai contenuti chiaramente leggibili del documento compilato.

I VANTAGGI DI QUESTO SISTEMA:

  • permette di non “tediare” la persona per molto tempo al fine di spiegare il perché e percome serve una liberatoria firmata
  • Seguendo le brevi e semplici indicazioni sul biglietto da visita verrà veicolata alla pagina web sulla quale troverà tutte le spiegazioni dovute
  • potrà leggersi con serenità e in tutta tranquillità ciò il contenuto della liberatoria, informarsi, e decidere se firmarla oppure no.

E GLI SVANTAGGI…

Potrebbe succedere che l’interessato si dimentichi o decida di non contattarci e/o comunque di non accettare le condizioni proposte nella liberatoria nonostante la promessa di regalo del formato digitale dello scatto.

Sono comunque fiducioso in merito… Alla fine con un minimo di impegno ci si porta a casa una bella foto propria!

E SE NON DISPONGO DI UNA PAGINA WEB?

Nel caso in cui non disponessi di una pagina web potrai sempre confezionarti un biglietto da visita sul quale riportare un testo che invita a prendere contatto con te tramite e-mail.

Quando la persona ti scriverà, potrai copiare/incollare una breve spiegazione sull’importanza della liberatoria allegandogli in un primo momento la liberatoria da fargli firmare (ricordati solo di farti mandare la foto della liberatoria firmata e compilata). E nella mail successiva la foto che gli hai promesso.

IMPORTANTE: LIBERATORIE FOTOGRAFICHE GDPR PER ADULTI E PER MINORI

Se la liberatoria fotografica gdpr è importante per un adulto, non dimentichiamo quella per i minori: decisamente più restrittiva perché richiede il consenso da parte di tutti e due i genitori o comunque dei tutori legali.

Cliccando sui due link qui sotto puoi scaricare i due tipi di liberatorie:

PER CONCLUDERE

Il tipo di approccio del quale ho parlato in questo articolo non è sostitutivo al 100% di una liberatoria firmata sul momento. In ogni caso penso che sia molto utile per portarsi in una posizione più difendibile in caso di eventuali manifestazioni di disaccordo da parte di soggetti che non apprezzino il fatto di vedere una propria foto pubblicata.

Ricordo nuovamente che pubblicare una foto di una persona che ha un volto riconoscibile, senza essere in possesso della liberatoria fotografica gdpr compilata e firmata, può essere motivo di controversie legali.

Per concludere, riporto qui sotto altri esempi di fotografie che non richiedono una liberatoria fotografica gdpr firmata:

Esempio di liberatoria fotografica gdpr non richiesta
Liberatoria fotografica gdpr non richiesta
Esempio di liberatoria fotografica gdpr non richiesta
Liberatoria fotografica gdpr non richiesta

Buone foto a tutti!

Daniele

LOGO_DB
0
0 Comments

Leave a Reply