COVID19 IN ITALIA E NEL MONDO

Sarà una strana coincidenza, ma pochi giorni prima dell’inizio degli obblighi imposti per l’arrivo del COVID19 in Italia (e nel mondo), poco prima che la vita sociale di ognuno di noi subisse questo drastico cambiamento, prima che i mercati cominciassero a traballare e a manifestare le inevitabili conseguenze di una pandemia, ho iniziato a leggere un libro intitolato Il Cigno nero, scritto da Nassim Nicholas Taleb.

COS’È UN “CIGNO NERO”?

Un Cigno nero è un evento che dimostra come la nostra vita sia in realtà governata “dall’improbabile”.

Nassim Nicholas Taleb definisce come Cigno nero un evento che porta le tre caratteristiche seguenti:

  • Rarità
  • Impatto enorme
  • Prevedibilità retrospettiva

La caratteristica di Rarità fa riferimento ad un evento isolato, che non rientra cioè nel campo delle normali aspettative (L’ingresso del COVID19 in Italia e nel Mondo).

L’Impatto enorme è una conseguenza a livello sociale, economico e politico come conseguenza dello stesso evento isolato (Le conseguenze che il COVID19 sta portando in Italia e nel Mondo).

La terza e ultima caratteristica che permette ad un evento di essere classificato come Cigno nero è la Prevedibilità retrospettiva (nota bene, retrospettiva, non prospettiva): la più interessante a mio parere.

Quest’ultima infatti fa riferimento alla tendenza umana ad elaborare spiegazioni credibili che giustifichino la comparsa dell’evento raro, con l’obbiettivo di renderlo spiegabile e prevedibile.

Quello che Nassim Nicholas Taleb definisce Cigno nero pone in evidenza quindi una certa fragilità della nostra conoscenza.

Una conoscenza raggiunta giustamente mediante osservazione, spirito critico, ricerca, esperienza e molto altro, ma che purtroppo non sempre è sufficiente per portarci a vedere un possibile evolversi di una situazione in modo prospettivo piuttosto che retrospettivo.

COVID19 - Testimonianza di vita in città
COVID19 – Testimonianza di vita in città

PERCHÉ “CIGNO NERO”?

L’origine del nome Cigno nero è dovuto a ciò che capitò nel momento in cui venne scoperta l’Australia.

Prima della scoperta di questo continente infatti gli abitanti del Vecchio Mondo erano convinti che tutti i cigni fossero bianchi. Nessuno mise mai in dubbio questa realtà confermata dall’evidenza fino a quel momento.

Poi però, quell’unico, primo avvistamento di cigno nero, fu sufficiente per sgretolare quella che fino a quel momento era stata considerata una realtà assoluta e indiscutibile.

Una realtà diventata tale in seguito a millenni di avvistamenti di milioni di cigni bianchi…

COVID19 - Testimonianza di vita in città
COVID19 – Testimonianza di vita in città

ALTRA COINCIDENZA…

A pagina 16 della rivista “Internazionale” (13/19 Marzo 2020) c’è un articolo tratto dal Fincial Times, Regno Unito.

L’articolo è stato scritto da Henry Mance, si intitola “Le nostre vite sospese”, ed inizia così:

“Socialità ridotta al minimo, spostamenti limitati e isolamento volontario: l’epidemia ci costringe a modificare le nostre abitudini e ci fa scoprire più fragili. Ma può anche insegnarci ad accettare l’imprevedibilità”.

CLICCA QUI PER SCARICARE LE FOTO DI QUESTO ARTICOLO

A presto!

Saluti

Daniele BORDIN

LOGO_DB
0
0 Comments

Leave a Reply